BLISSINO

L’idea ha origine dall’incontro tra K-tree e l’associazione ONLUS, “Le parole di Leonardo”, fondata e diretta da Mario Taddei (www.leparoledileonardo.it, Progetto scrigno magico)

Il progetto prevede l’implementazione di un software di intelligenza artificiale installato su un robot dalle sembianze umane: il Blissino, piccolo e simpatico robot, dotato di Intelligenza Artificiale. Questo combina il linguaggio iconico Bliss a sistemi di realtà aumentata, con supporti tecnologici di interazione quali touch-screen, speech processing e audiovisivi. Questo robot è pensato sia come assistente digitale per soggetti diversamente abili, sia come supporto ai docenti di sostegno.

Il suo compito è di supportare attraverso tecniche di CAA e linguaggio Bliss tutti quei soggetti con problemi di comunicazione. Nella fase preliminare il robot sarà sostituito da una piattaforma digitale, facilmente accessibile agli utenti (pc o tablet), con funzionalità touch screen e speech processing. 


Il linguaggio Bliss, o BLISSYMBOLIC, fu ideato da Charles K.Bliss che nel 1949, in fuga dalle persecuzioni naziste, si rifugiò nel ghetto di Shangai. Qui Bliss ideò un linguaggio ausiliario internazionale, ispirato alla tipologia dei caratteri cinesi, basato su ideogrammi e pittogrammi che non corrisponde ad alcun suono. Lui stesso definì il suo sistema semantografia.

La COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA (CAA) rappresenta un’area della pratica clinica sviluppata a partire dagli anni ’70. Attraverso tecniche specifiche e linguaggi quali il Lis e il Bliss, la CAA cerca di supportare e contenere la disabilità di persone con gravi problematiche di comunicazione, sia sul versante ricettivo che espressivo (Autismo,  Sordomutismo, Dislessia, Discalculia e altre patologie di origine genetica e/o traumatica).